sabato 30 dicembre 2017

STOPPABLE




 
Il primo che indovina cos'è vince un giro di pista con la Ferruginosa.





Poco tempo, ultimamente, poco tempo. 

Soprattutto per venire qui a scrivere il mio solito temino delle medie.

In nome della scienza farmaceutica sto per compiere un esperimento che potrebbe rivelarsi fatale: due Red Bull con l'Aspirina. 

I casi sono due: o mi passa l'influenza o mi ricoverano in ospedale con l'Angina Pectoris in corso.

Ad ogni modo, il giorno di Natale ho fatto il mio solito giretto con la Ferruginosa. 

Il pranzo col parentame come di consueto lo abbiamo fatto il 26 perchè mettere d'accordo tutti per il 25 è più difficile che andare a Capo Nord in retromarcia. 

E' così quando hai a che fare con della gente strana.

Sono andato al lago e faceva caldo, circa 11 gradi. I bar erano quasi tutti chiusi e per trovarne uno ho dovuto camminare per dei chilometri, ho girato mezza area pedonale. 

Uno pensa che non ci sia niente di strano a farsi una passeggiata per le viuzze del centro storico. 

Si, ma provate a farlo vestiti con l'abbigliamento da Tundra Artica e poi vediamo.

Quando alla fine ho trovato un bar aperto, non sapevo se ordinare un caffè o un Gatorade. Sudato come un maiale.

Ripresa la Ferruginosa, con il fumo che mi usciva dalla giacca, ho avuto la bella pensata di inerpicarmi su una stradina per salire a un Alpe di quelli che so io.

Sembrava tutto pulito dalla neve, fino in cima. Peccato che dopo aver scollinato dall'altra parte, che era tutto in ombra, sono cominciate le grane. Tratti con neve ghiacciata in curva e pendenze mica da ridere. Non stavano in piedi manco i gatti. 

Percorso alcuni chilometri a passo d'uomo per evitare di toccare il fondo stradale e morale. 

Poi ho riguadagnato stoicamente l'asfalto pulito salvando la pellaccia. 

I giretti invernali sono sempre delle piccole avventure. Non sai mai quello che ti capita.





Ragazzi, lasciate perdere le droghe. Compratevi uno scassone da 1500 euri e cominciate a girare.

E buon anno a tutti.