lunedì 13 giugno 2016

Di pesci tossici e David Guetta




Come forse molti sapranno, in questi giorni in Francia si stanno disputando gli Europei di calcio 2016.

In maniera del tutto casuale, ho appreso dalla televisione che la cerimonia di apertura è stata preceduta dal concerto di David Guetta, noto DJ francese di fama planetaria e produttore di Hit dance di successo, un genere di musica che piace a un pubblico sempre più trasversale, dal Vip cocainomane che bazzica il  The Club o l'Old Fashion, fino al classico rom di periferia che frequenta gli autoscontri più gettonati del circondario.


  David Guetta in posa plastica mentre schiaccia il tasto Play



In occasione degli Europei di calcio, David Guetta sarà anche autore dell'inno ufficiale di Francia 2016.

Il simpatico motivetto verrà cantato da una innocente ragazzetta svedese, una certa a me sconosciuta Zara Larsonn.



Il solito vecchio trucco: mettere una gnagna dietro un microfono per farti dimenticare che stai ascoltando della merda



Diciotto anni, bionda, originaria di Stoccolma, talento canoro precoce (a 10 anni ha vinto un talent svedese per sfruttatori di minori ), il suo primo singolo di successo è stato una cover di "My heart will go on" di Cèlin Dion. 



 "Il Canada dovrebbe chiedere scusa al Mondo per aver dato i natali a Cèline Dion e Bryan Adams"




Che buffa la vita.

Quand'ero piccolo i miei genitori non mi hanno mai iscritto a nessun talent show.

I miei genitori a sedici anni volevano spedirmi in analisi perchè facevo le cover di Radio Friendly Unit Shifter, Jesus Christ Pose e Into The Void. 

Mi rinchiudevo in camera, e anche se avevo ancora tutte le falangi della mano (a differenza di Tommy Iommi) accordavo la chitarra due o tre toni sotto la scala normale, per riprodurre quel suono cupo e profondo tipico dei pezzi che allora mi sconvolgevano maggiormente

Quando d'estate tenevo le finestre aperte, il feedback rabbioso dell'amplificatore valvolare si sentiva in tutti i paesi della vallata, frazioni comprese.







Bei tempi quelli. Il mio sogno era scappare di casa e andare a vivere sotto il ponte di un fiume inquinato, cibarmi di pesci tossici e farmi venire i crampi allo stomaco.

Ero motivo di orgoglio per la mia famiglia

E probabilmente lo sono ancora adesso, considerando che raggiunta una veneranda età non ho ancora fatto praticamente un cazzo di quello che i miei genitori si sarebbero aspettati da me.

In sintesi:  sposarmi  >  fare dei figli  >  divorziare  >  finire a vivere sotto un ponte a cibarmi di pesci tossici.    



Sto divagando troppo? Sto andando fuori tema? 

E? F?

Okay, torniamo da Zara Larsonn. 







Zara Larsonn ha pubblicato sul suo profilo Istagram una foto in cui indossa un preservativo a mo di gambaletto, per prendersi gioco degli uomini e deriderli della loro mania di (com)misurare l'ego alla lunghezza del pene. 
   
"Nessun uomo ce l'ha abbastanza grande"


Ora, non vorrei entrare nel merito della solita tiritera pene grande/pene piccolo, argomenti triti e ritriti da posta del cioè.

Esiste una vasta letteratura a riguardo.  

In giro per il web si trovano valanghe di commenti ipocriti e poco coerenti,  "le misure non contano", "il pene grosso mi intimorisce", tutte immacolate e pudiche queste donne.

Io penso semplicemente che la verità sta sempre nel mezzo.

Per questo motivo mi piacerebbe vedere Zara inginocchiata in mezzo a due uomini, un normodotato da dieci centimetri Vs  sberladotato da venticinque o più centimetri, per osservare la sua reazione nell'intimo e vedere quale dei due membri preferirebbe mettere in bocca. 






Queste sono le nuove generazioni di fanciulle moderne. Scaltre, furbe, sessualmente disinibite. Talenti precoci.


Ad ogni modo, fate sapere a David Guetta che un concerto senza stage diving rimane sempre un concerto di merda.















 



9 commenti:

  1. Beh lei è una bella topolina.
    In quanto a cazzi di varie dimensioni... per essere sicure meglio provarne di tutte le misure xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In certe foto si nota che ha degli occhi pazzeschi, da svedesa.

      Elimina
  2. Oddio ci sta tutto quello che avevi pensato per il tuo avvenire del resto è ormai molta della normalità...
    Ma pesci sani no?
    Perché tossici? Questa cosina la rivedrei ecco.
    :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi malati di rock siamo degli strani animali.

      Elimina
  3. Uno strano animale con delle voglie strane.... Blasco Rossi insomma ahaha!!!

    RispondiElimina
  4. Uno strano animale con delle voglie strane.... Blasco Rossi insomma ahaha!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è gente che è morta per molto meno...

      Elimina
  5. Ma ti ricordi gli albori di Madonna?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti, quello della mignotta ammiccante è l'atteggiamento più antico del mondo

      Elimina