sabato 31 gennaio 2015

Sloggings




 Veronica Partridge all'uscita della S.Messa delle ore 11.00


Credo che ormai in molti abbiano letto di una tal Veronica Partridge e delle sue scelte personali riguardo l'abbigliamento da esibire in pubblico. 
Nello specifico, la moglie/madre/contadina (?) dell'Oregon avrebbe fatto salire sul banco degli imputati i famosi leggings, quegli splendidi pantaloni tipicamente femminili (ma mi dicono piacciano pure ai femminielli) rei di provocare negli uomini erezioni e pensieri di peccato e impudicizia che, in confronto, i messaggi satanici dei Black Sabbath fanno tenerezza.



 Che aria tira da laggiù?


Ovviamente sui vari social s'è scatenato subito un dibattito infuocato: leggings si, leggings no, ni, è giusto vedere la figa che passeggia per strada oppure bisogna sempre aspettare la prima connessione utile per agganciare You Porn, "io sto già a due Giga e mo me tocca pagà". Che due coglioni!


  La mia risposta ai leggings femminili. Quello in foto non sono io e si vede (mini dotato, tsk)



La mia umile opinione al riguardo: okay, omologhiamo pure i leggings, anche se camminare con il cazzo duro mi viene un po' scomodo. 
Però poi non voglio sentirmi apostrofare come porco se vi fisso la pussy, perchè sennò m'incazzo. E vi metto due dita dentro.




 

2 commenti:

  1. ... nemmeno per restare in casa

    RispondiElimina
  2. Un po' di pubblicità per se stessa sfruttando il bigottismo delle masse statunitensi.

    RispondiElimina